Il Museo per la memoria di Ustica, la memoria di una strage nei luoghi del “silenzio assoluto” la Maremma

http://rumors.blog.rai.it/2010/06/23/strage-di-ustica-per-non-dimenticare/

Video per vedere e sentire il Museo per la Memoria di Ustica
http://www.museomemoriaustica.it/video/virtual/tour.html

Nel marzo scorso ho visitato il “Museo per la Memoria di Ustica” a Bologna, eravamo un gruppo, le classi quinte del Liceo “Rosmini” di Grosseto, per loro e il Prof. Luca Urbani, la conclusione di un percorso didattico svolto durante l’anno scolastico, per me, un’occasione per dare un volto ai miei ricordi.

Il museo è in un ex area industriale della città di Bologna, una costruzione che da fuori non lascia presagire nulla.

Vietato fotografare, perché? Diritti di autore mi hanno risposto o qualcosa di simile.

Abbiamo spiegato che volevamo ricordare questa tragedia usando i Social, che in questo modo ragazzi di vent’anni avrebbero trasmesso al mondo le loro emozioni per qualcosa che non hanno vissuto ma solo letto o sentito raccontare.

Una tragedia difficile da capire, quella di Ustica, le loro parole sarebbero state importanti, quelle di una generazione che non ha vissuto la paura di quegli anni.

Ricordo la strage di Bologna 2 agosto 1980, il ritrovamento del corpo di Aldo Moro il 9 maggio 1978, le Brigate Rosse, la tensione Internazionale con Gheddafi, ero una ragazzina ma la tensione che respiravo non posso dimenticarla.

Che cosa c’entra la Maremma con Ustica?

Quella notte, il 27 giugno 1980, i radar di Poggio Ballone, Gruppo Radar dell’Aeronautica Militare con compiti di sorveglianza dello spazio aereo e controllo dei velivoli intercettori, per la rete di Difesa Aerea nazionale ed integrato con la più vasta rete radar NATO, osservavano il cielo.

In un Poggio poggio vicino a Castiglione della Pescaia nella mia Maremma, quella notte hanno visto la guerra.

Ma non c’è solo Poggio Ballone, un F 104 e un TF 104 tornando all’aeroporto militare di Grosseto, quella notte lanciano “allarme rosso”, tre piloti, due li conoscete sono Mario Naldini e Ivo Nutarelli morti entrambi nella tragedia di Ramstein, una settimana dopo la loro morte avrebbero dovuto testimoniare davanti il Giudice Bucarelli, incaricato nel 1988 dell’inchiesta sulla strage di Ustica.

Il Giudice Rosario Priore, che prese il posto di Bucarelli nel 1990, definisce l’Aeroporto di Grosseto e il Centro radar di Poggio Ballone come i luoghi del silenzio assoluto.

Anche il fuoco aiuta il silenzio, gli archivi VAM dell’aeroporto di Grosseto bruciano per sempre.

La lista delle persone “precocemente” deceduta è lunga, ne fanno parte il Capitano Maurizio Gari, il Maresciallo Alberto Dettori, entrambi in servizio quella notte a Poggio Ballone, responsabili della sala radar, il primo morto a trentadue anni d’infarto, l’altro trovato impiccato ad un albero vicino alla riva del fiume Ombrone.

Il Maresciallo Dettori disse alla moglie e alla sorella “stanotte è successo un casino, per poco non scoppia la guerra”.

Il Colonnello Giorgio Teoldi, Comandante dell’aeroporto militare di Grosseto, competente del servizio radar di Poggio Ballone, muore in un incidente d’auto due mesi dopo la strage.

Il Sindaco di Grosseto Giovanni Finetti muore all’ospedale militare di Pisa dopo essere stato investito ad Istia D’Ombrone.

Altro concittadino coinvolto nella strage di Ustica è il Professore Erasmo Rondanelli che viene a Grosseto dopo aver vinto un concorso a Primario del reparto di Anatomia Patologica dell’Ospedale pubblico di questa città, è uno dei due medici che effettuarono l’autopsia sul corpo ritrovato dentro il mig libico della Sila.

Siamo in Maremma ma Ustica quella notte era vicina, molto vicina.

Dall’aeroporto di Bologna alle 20.08 parte il volo Itavia 870, Bologna-Palermo, ha due ore di ritardo, quel DC9 non arriverà mai e con lui non arriveranno le ottantuno persone che erano a bordo.

Cedimento strutturale si dirà, oggi sappiamo che così non è stato, un missile ha posto fine al suo volo.

La lista delle responsabilità accertate o supposte è lunga, mille sono gli scenari che possiamo immaginare per quella notte, ma non c’è, ad oggi, nessun colpevole.

SCARPA USTICA

Ma torniamo al Museo

all’ingresso ci dicono di fare silenzio, capiamo subito che non è un museo qualsiasi, ci pervade un’angoscia, cominciamo a tornare indietro nel tempo.

Eccolo… lo scheletro del DC9 Itavia è davanti a noi, enorme, dopo tanti anni trascorsi in fondo al mare, in uno dei luoghi più profondi del Mar Tirreno, piccoli o grandi pezzi dell’aereo montati su uno scheletro d’acciaio, dorme qui la memoria dal 2007.

Tutta l’attenzione è per quei brandelli, cerco di vedere, di capire come se quella struttura potesse darmi le risposte che non ho.

Guardo i ragazzi, sono tutti in silenzio, non parlano fra di loro, molti sono seduti in terra con gli occhi fissano all’aereo, perché?

Non siamo soli, 81 luci si accendono e si spengono, sincronizzo il respiro, è il mio respiro.

La nostra immagine riflessa in 81 specchi neri, sono i loro occhi.

Ascolto le voci, provengono da dietro gli specchi neri, gli altoparlanti ci portano ad ascoltare i pensieri di 81 persone.

Loro non giudicano, non hanno paura, non sanno che la loro vita finiva, era un giorno qualunque, quell’aereo li portava a casa, in vacanza, al lavoro, pensieri normali, i nostri pensieri.

Mi siedo, ascolto, attraverso questi sussurri sento i miei pensieri, ognuno di noi poteva essere al loro posto, una stretta alla gola, la sensazione che veramente stanno riposando lì, in un istante sono diventati parte integrante della storia, di una tragedia, vite sospese.

Nove casse nere, accanto allo scheletro, dentro gli oggetti, i vestiti, le piccole cose che avevano con se, le casse sono chiuse, rimarranno lì con le loro anime, protetti dagli sguardi curiosi.

Christian Boltanski, artista francese, che ha realizzato questa istallazione voleva arrivare nel profondo delle nostre coscienze, evocare la solitudine di ognuno di noi, quella solitudine soggettiva che ci porta ad essere protagonisti di una “verità” per ognuno diversa.

Quelle anime sono nostre amiche, sono entrate a far parte di noi, non importa più se io ho vissuto quegli anni e i ragazzi con me no, vedo nei loro occhi, la stessa tristezza, lo stesso sgomento, la stessa domanda: PERCHE’?

Porteremo sempre con noi il ricordo di questa atmosfera, questo omaggio ci ha reso più forti, più consapevoli, il museo testimonia la voglia della verità negata, l’importanza del singolo che non può essere vittima di “valori” che alcuni credono più importanti, nulla è più importante della vita.

Sei mai andato a vedere il Museo? hai provato le mie sensazioni? rabbia, tristezza o solitudine oppure altro, raccontamelo se vuoi.

Voglio ringraziare l’Associazione dei Parenti delle Vittime della Strage di Ustica, http://www.associazioneparentiustica.it/, il Museo di Bologna http://www.museomemoriaustica.it/index.htm e il sito http://www.stragi80.it/, perché senza di loro non avrei potuto raccontare tutto questo, i materiali video e fotografici provengono dal sito del Museo.

AEREO USTICA

The following two tabs change content below.
Lavoro nel turismo come direttrice, sono animalista, ambientalista, vegetariana, amo scrivere e il mondo virtuale. La mia casa è in Maremma quella Toscana, sogno di vedere l'aurora boreale!

21 pensieri su “Il Museo per la memoria di Ustica, la memoria di una strage nei luoghi del “silenzio assoluto” la Maremma

  1. Ci sono dei posti nel mondo dove se riesci ad entrare non c’è bisogno di esperti e guide che ti spieghino tutto. Mi hai rammentato la mia visita a Chernobyl prima ed a Pripyat dopo. Storie diverse e lontane. Ma la sensazione che tante piccole lampadine si accendano richiamando la tua attenzione è esattamente quello che provai io il 26 Aprile 2006. Ed oggi, leggendoti con l’emozione che credo tu conosca.

    1. Ti ringrazio per le tue belle parole, condividiamo l’emozione che si sente in gola e nella pancia, emozioni che non scorderemo mai e il tempo non può modificare il ricordo di ciò che si è provato. Ciao!

  2. ciao Katia, leggendo mi hai fatto tornare in mente il Museo dell’Olocausto, a Gerusalemme.
    Il Memoriale dei Bambini, in particolare, la caverna buia con tante candele riflesse all’infinito che, attraverso gli specchi, creano l’impressione di guardare migliaia di stelle luccicanti. E la voce che legge nomi e paesi d’origine di circa un milione e mezzo di bimbi ebrei uccisi. Sì, non c’è bisogno di nessuna guida, è il tuo nodo alla gola e le tue lacrime che ti dicono molto. Grazie.

    Pronta per il tuo debutto su #LessIsSexy? Un post in grande sintonia con il mio mood di oggi 🙂

    1. Grazie Gloria delle tue parole, mi sono venuti i brividi, non sono mai stata a Gerusalemme, ma un giorno ci andrò e sentirò quelle sensazioni che tu con una breve descrizione mi hai fatto provare.

      C’è bisogno di nodi alla gola e lacrime è l’unico modo per non far ripetere gli errori e orrori della storia.

      Ho quasi chiaro quale sarà il mio prossimo post credo che parlerò di figli che insegnano con “meno” ai genitori e sicuramente a tutti noi.

      Un blog bellissimo il tuo Gloria Vanni #lessissexy è un modo di vivere e per guardarsi dentro.

      Ciao

  3. Its like you read my mind! You appear to know so much about this, like you wrote the
    book in it or something. I think that you can do with a few pics to drive the message home a little bit, but other
    than that, this is great blog. An excellent read.
    I’ll certainly be back.

  4. An impressive share, I simply given this onto a colleague who had previously been doing small analysis with this. And the man in reality bought me breakfast because I came across it for him.. smile. So allow me to reword that: Thnx for your treat! But yeah Thnkx for spending some time to talk about this, I am strongly concerning this and adore reading more on this topic. When possible, as you become expertise, do you mind updating your blog site with more details? It is highly ideal for me. Huge thumb up just for this post!
    شركة تنظيف بالرياض http://tinyurl.com/z248ubu

  5. Thanks for ones marvelous posting! I really enjoyed reading it, you could be a great author.I will
    ensure that I bookmark your blog and definitely will come back in the foreseeable future.

    I want to encourage you to ultimately continue your great work, have
    a nice weekend!

  6. I think this is one of the most significant information for me.

    And i am glad reading your article. But want to remark on few general things,
    The website style is great, the articles is really
    excellent : D. Good job, cheers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *